Skip to content
narrow screen wide screen auto screen Increase font size Decrease font size Default font size

Banche Tempo-Flash

La storia
Come nascono in Italia le Banche del Tempo.

ricerca di Luigi Tomasso, primavera 2010

La storia delle BDT italiane è quanto mai frastagliata. Le fonti sono spesso contrastanti e i dati presenti in internet hanno i tipici difetti: troppo abbondanti, troppo discordanti e frutto di un fantasioso copia-e-incolla.

Da un punto di vista metodologico, la storia delle BDT italiane si può suddividere in quattro fasi.

- a - Gli anni '90.

- b - L'Osservatorio Nazionale sulle Banche del tempo (1995-2002) e la legge 53 del 2000.

- c - I Coordinamenti e l'Associazione Nazionale.

- d - L'era di internet.

Gli anni '90.

Il termine "Banca del Tempo" è stato usato per la prima volta in Italia nel 1991 per intuizione della
segretaria della sede di Parma del Sindacato pensionati della Uil.
L'idea è quella di venire incontro al bisogno degli anziani e dei pensionati di utilizzare la grande quantità
di tempo che rimane loro a disposizione dopo che hanno finito di lavorare e si sentono espulsi
dalla vita attiva e, nello stesso tempo di aiutare le donne che lavorano ed hanno figli.

Nel giugno nel 1995 è partita la progettazione e la sperimentazione della Banca del Tempo
di Ivrea, ad opera di dieci donne del Centro Lilith-Casa delle donne. Per il primo anno di attività la banca è
stata aperta solo per le donne.
Contemporaneamente si viene organizzando la BDT di Sant'Arcangelo di Romagna, per iniziativa della Presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune, nonché del Sindaco della città.

Intanto, attraverso una serie di incontri divulgativi, l'idea di scambio di tempo incontra il favore di numerosi gruppi (associazioni costituite e gruppi informali) che nel breve periodo danno vita a Banche del Tempo.
Alla fine del '95 sono 5 le esperienze attive. Nel '96 una settantina.

Nel 2000 Tempomat ne valuta circa 300. Già allora, come oggi (2010) è difficile avere un atlante affidabile
delle BDT. In particolare è arduo distinguere tra realtà attive, in corso di progettazione-sperimentazione oppure BDT ancora presenti in internet, ma già concluse.
Ci sono anche attività di scambio in stile BDT in Associazioni di altro genere.

Da allora l'evoluzione è stata notevole e ha coinvolto progressivamente tutta l'Italia, prevalentemente nell'area centro nord ma con presenze significative anche nel Sud e nelle Isole.


L'Osservatorio Nazionale sulle Banche del tempo (1995-2002) e la legge 53 del 2000.
L'Osservatorio Nazionale sulle Banche del Tempo denominato Tempomat è stato istituito alla fine del 1995 dal Centro "Il Cittadino Ritrovato" per sostenere e promuovere la diffusione delle Associazioni "Banche del Tempo" in Italia.
La sede legale era presso la Scuola per dirigenti pubblici dell'Università di Siena e la direzione era presso
la Cgil nazionale, in Roma, Corso Italia n. 25. Ha cessato la sua attività con la fine di Ottobre 2002 per chiusura del centro medesimo.
Il logo è stato attribuito alla Banca del Tempo "Le città invisibili" di Guspini per essere utilizzato sul sito www.tempomat.it di proprietà della stessa banca ed è tuttora in funzione.

La legge 53 del 2000.
E' l'unica presenza in Gazzetta Ufficiale del termine "banca del tempo". Eccone un estratto de testo.
Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione
e per il coordinamento dei tempi della città.

In questa Legge all'articolo 27 si dispone quanto segue:
1. Per favorire lo scambio di servizi di vicinato, per facilitare
l'utilizzo dei servizi della città e il rapporto con le pubbliche
amministrazioni, per favorire l'estensione della solidarietà nelle
comunità locali e per incentivare le iniziative di singoli e gruppi di
cittadini, associazioni, organizzazioni ed enti che intendano
scambiare parte del proprio tempo per impieghi di reciproca
solidarietà e interesse, gli enti locali possono sostenere e
promuovere la costituzione di associazioni denominate "banche del
tempo".


I Coordinamenti e l'ANBDT (1998-2007).

A Milano, dal 1998 è presente il Coordinamento Banche del Tempo di Milano e provincia,
costituito in associazione il 4 maggio 2000.
Tra il 1998 e il 2002 il Coordinamento di Milano è stato sostenuto informalmente dall'
Amministrazione Provinciale.
La sua attività iniziale consisteva in incontri periodici tra le BDT per scambiare esperienze,
per risolvere e prendere qualche iniziativa.
Con l'aumento del numero delle BDT e dei loro bisogni di supporto è stato necessario dotarsi
di uno statuto, che ha permesso al Coordinamento di proporsi per un ruolo di rappresentanza.

Le principali attività del Coordinamento sono state:
* riunioni periodiche delle Banche del Tempo;
* corsi di formazione su temi riguardanti gli aspetti
organizzativi e valoriali delle banche del tempo;
* seminari tematici, feste promozionali o altro;
* elaborazione di nuovi progetti sociali;
* promozione e tutoraggio di nuove Banche del tempo;
* produzione non periodica di "Banche del Tempo News"
* creazione di una rete tra banche del tempo collegata attraverso un sito
* collaborazione con Enti pubblici e con varie associazioni e
organizzazioni.

Nel 2004 si è cominciato a pensare a una Rete Nazionale. Attraversovari convegni nazionali
(il primo ad Alì Terme nel 2004), l'intuizione iniziale di una Rete paritaria e di base si è via via
riconvertita in una più strutturata Associazione Nazionale delle BDT (2007).
Ha lo scopo di creare collegamenti sistematici tra BDT già esistenti e di sostenere lo sviluppo di nuove
esperienze di questo tipo
L'Associazione ha sede a Roma. Dispone di un sito che riporta informazioni istituzionali e di servizio.
Pubblica un elenco regionale delle BDT. Di quelle che hanno aderito all'Associazione stessa,
è indicato il numero dei soci al 2008. Altre informazioni sono prive di indicazione di data.
Sia l'ANBDT sia i vari Coordinamenti sono organismi di proposta e collegamento e quindi non ne è
obbligatoria l'adesione da parte delle singole BDT.
Ogni anno l'Associazione Nazionale propone all'inizio dell'autunno una Giornata Nazionale,
cui le BDT possono aderire nel quadro della programmazione delle proprie attività.
L'ANBDT è stata fondata dalle esponenti di nove BDT italiane (Roma, Milano, Alì Terme, Gallarate...).
Attuale presidente è Maria Luisa Petrucci di Roma.

Le BDT nell'era di internet

L'irruzione di internet e dei social network nello scenario culturale italiano ha fortemente permeato
la realtà delle BDT italiane negli ultimi anni.
In un primo tempo, il web è stato utilizzato principalmente per velocizzare e abbattere i costi
dell'invio delle varie Newsletter e degli inviti, in precedenza basato sui sistemi cartacei.
A Milano, la BDT del Centro Storico ha editato, fin dal 2002, un Bollettino mail. Nel 2004 la
gestione del Bollettino è passata al Coordinamento.
Nel 2009 il Bollettino si è differenziato sotto due diverse testate: banchetempo.milano, edito in automatico dal Coordinamento e banchetempo-flash edito dall'omonimo sito indipendente.
Noi di www.banchetempo-flash.it ci proponiamo lo scambio delle informazioni attraverso
questo sito-monitor, scritto in modalità wiki e sostenuto da una decina tra BDT, GAS,
testate giornalistiche, Centri Studi e Associazioni di gratuità etica e volontariato di Milano
e altre località italiane.
Banchetempo-flash ha sede presso la BDT di Milano Niguarda (via Passerini 18 - Milano).
Contemporaneamente, con la diffusione di programmi informatici sempre
più facili ed amichevoli, molte BDT si sono dotate di un proprio sito, utilizzato, oltre che per la comunicazione,
anche in maniera interattiva per la gestione degli scambi e la contabilità delle ore.

Alcune BDT consentono persino l'iscrizione automatica dei soci via web.
Ciò può costituire,
a parere di molti, un depauperamento dei valori di aggregazione e di solidarietà
diretta che sono il vero obiettivo delle BDT.
Tra il 2009 e quest'anno, la crescente importanza dei social network (Facebook in primis)
ha fornito uno strumento formidabile proprio per la creazione di gruppi promotori per nuove BDT.

Insomma, un vero e proprio vero passaparola elettronico.

 

NdR - marzo 2010.
Questo testo può essere arricchito e anche modificato dai lettori.
Inviare le osservazioni alla Redazione ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).

 

 

Banche del Tempo-flash Milano
     MI Niguarda - MI Cuccagna -

 aaaa a  aaa 

 

 Tutta la BDT in un solo click 

  

Edizione Banchetempo-flash 2011
concept: Luigi Tomasso
elaborazione grafica: Maurizio Kromatic

Richiedi banchetempo-flash

la nostra Newsletter con tutti gli scambi BDT

Scrivere un annuncio

    PER INSERIRE UN ANNUNCIO

Scambi ... in tempo reale

CONTATTI

banchetempo.flash@gmail.com
349 4634 760 (anche sms)

Nelle risposte, citare il numero dell'annuncio e specificare a quale BDT siete iscritti.